ONU Obiettivo 1 Agenda 2030 Porre fine ad ogni forma di povertà nel mondo

Gli indici di povertà estrema si sono ridotti di più della metà dal 1990. Nonostante si tratti di un risultato notevole, nelle zone in via di sviluppo una persona su cinque vive ancora con meno di 1,25 dollari al giorno e ci sono molti milioni di persone che ogni giorno guadagnano poco più di tale somma. A ciò si aggiunge che molte persone sono a rischio di ricadere nella povertà.
La povertà va ben oltre la sola mancanza di guadagno e di risorse per assicurarsi  da vivere in maniera sostenibile. Tra le sue manifestazioni c’è la fame e la malnutrizione, l’accesso limitato all’istruzione e agli altri servizi di base, la discriminazione e l’esclusione sociale, così come la mancanza di partecipazione nei processi decisionali. La crescita economica deve essere inclusiva, allo scopo di creare posti di lavoro sostenibili e di promuovere l’uguaglianza.

L’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile è un programma d’azione per le persone, il pianeta e la prosperità sottoscritto nel settembre 2015 dai governi dei 193 Paesi membri dell’ONU. Sono obiettivi definiti dalle Nazioni Unite come elementi fondamentali per lo sviluppo sostenibile ed equilibrato del pianeta terra. L’idea che i paesi poveri debbano di fatto essere aiutati a raggiungere il grado di sviluppo dei paesi piu’ progrediti e’ un idea superata e irrealizzabile. La possibilità di uno sviluppo di tutti i paesi sui livelli europei o Nord Americani implicherebbe il tracollo ecologico del pianeta e la sua insostenibilità Oggi il mondo economico tende ancora a proporre modelli di sviluppo insostenibili basati sul libero mercato e sulla sola capacita’ del mercato di regolarsi. Le scelte politiche devono indirizzare le azioni di governo per permettere a tutte le nazioni di poter raggiungere un grado sostenibile di sviluppo, per questo sono stati definiti 17 target fondamentali con azioni strategiche sulle quali impostare le politiche sostenibili di sviluppo.

AGENDA 2030 ONU

OBIETTIVO UNO AGENDA 2030 – Testo integrale

Raccolta di pc usati. Diritto allo studio e possibilita’ economiche, problema costituzionale.

L’Emporio raccoglie computer portatili per progetto di trashware. La nostra storica collaborazione con SENSEI s.r.l. in questi anni ci ha fornito le competenze per riabilitare pc ad uso degli studenti, su sistemi linux.

Il discorso alla nazione del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, alcuni giorni fa’, ha affrontato il problema del diritto di accesso gratuito alla rete internet come diritto costituzionale. Il Governo stanzierà un finanziamento del Ministero dell’Istruzione, diretto a device da fornire in comodato agli studenti . Questo e’ un importante apertura al futuro, un argomento che balza in prima posizione dopo anni in cui temi come questo erano territorio di sparuti movimenti politici ed alcuni NERD.

Le istituzioni scolastiche spesso hanno scelto tecnologie costose e fonte di esclusione, si scopre che l’attuale situazione nega il diritto allo studio a numeri considerevoli di studenti.

Famiglie numerose che ruotano i pochi computer tra i figli, tutti impegnati al mattino in collegamenti con le classi virtuali. Collegamenti internet assenti, o scadenti in zone periferiche, con prezzi spesso inaccessibili  per coloro che già vivono in situazioni di disagio economico. Scuole educate a tecnologie costose e di elite.

https://emporiovaltaro.it/mercoledi-2-marzo-verranno-donati-4-notebook-a-studenti/

Improvvisamente ci siamo accorti di aver lavorato per un sistema infrastrutturale scolastico non eco-sostenibile.  Apparati costosi e velocemente obsolescenti, sono diventati degli standard a scapito di tecnologie ormai mature e aperte, gratuite che venivano viste come prodotti di tipo B.

Oggi scuole e governo corrono per colmare il buco costituzionale, la scuola garantita per tutti, un successo del dopoguerra azzerato dal COVID19. La partecipazione degli studenti rischia di diventare certa solo per le classi medio-alte. In un mese si ritorna al ‘900. Un ulteriore costo che si chiede alle giovani generazione, già oggi impegnate nella difesa delle generazioni di anziani  più esposte al contagio.

Tale situazione, riguarda in parte un territorio nazionale di eccellenza come l’Emilia, dove le istituzioni hanno lavorato per estendere i collegamenti anche alle periferie. La storia diventa drammatica in altri territori nazionali in cui l’abbandono scolastico e’ gia’ un tema attuale. La pandemia rischia di generare, un altra categoria di giovani i NONONO no studio, no lavoro, no internet e ovviamente no futuro.

La CORSA PER IL RECUPERO DEL TEMPO PERDUTO E’ GIA PARTITA.

CHI HA COMPUTER PORTATILI OBSOLESCENTI DA DONARE PUO’ INVIARE UNA MAIL A emporiovaltaro@gmail.com con i contatti NOI RITIREREMO A DOMICILIO LE ATTREZZATURE. (per le aziende possibilita’ di atto di donazione)

Lubuntu

Lubuntu è particolarmente adatto per PC meno recenti, tuttavia non può gestire macchine con più di 10 anni di età.

Hardware

Requisiti consigliati

 

Processore

Pentium 4, Pentium M o AMD 2GHz dual core (o meglio)

  • Preferibilmente Webcam integrata
  • USB per l’installazione.
  • scheda wifi
 

RAM

1 GiB

 

Spazio libero su disco

25 GiB

 

Scheda video

risoluzione 1024×768

COME RICHIEDERE I BUONI SPESA EMERGENZA COVID19

VENERDI’ 10 Aprile 2020 EMPORIO CHIUSO

La situazione di emergenza che ha ridotto l’attivita’ dell’Emporio ha sollecitato il Consiglio dei Ministri ad attivare aiuti specifici alle persone che si sono trovate in difficolta’ o che erano gia’ in difficolta’.  Sono stati attivati 400 milioni per aiuto diretto al sostegno alimentare con erogazione DA PARTE DEI COMUNI di buoni spesa o pacchi alimentari.

COME E DOVE RICHIEDERE QUESTI AIUTI per eventuali aiuti alla compilazione della domanda si puo’ richiedere al centro di ascolto dell’EMPORIO cell. 3286724506

Comune di BORGO VAL DI TARO

numero unico + 39 335 1331257

DOVE FARE DOMANDA

DICHIARAZIONE AUTOCERTIFICATA COMUNE DI BORGOTARO

COMUNE DI BEDONIA DOVE FARE DOMANDA

COMUNE DI COMPIANO DOVE FARE DOMANDA

COMUNE DI SOLIGNANO DOVE FARE DOMANDA

COMUNE DI ALBARETO DOVE FARE DOMANDA

COMUNE DI VALMOZZOLA tel. 052567114

COMUNE DI BERCETO DOVE FARE DOMANDA

COMUNE DI TORNOLO
TELEFONO: 0525/826162 – 0525/824501 mail: g.mazza@comune.tornolo.pr.it

Translate »