Quali sono le cause della povertà educativa

 Tratto da www.openpolis.it

 

Un minore è soggetto a povertà educativa quando il suo diritto ad apprendere, formarsi, sviluppare capacità e competenze, coltivare le proprie aspirazioni e talenti è privato o compromesso. Non si tratta quindi di una lesione del solo diritto allo studio, ma della mancanza di opportunità educative a tutto campo: da quelle connesse con la fruizione culturale al diritto al gioco e alle attività sportive. Minori opportunità che incidono negativamente sulla crescita del minore. Generalmente riguarda i bambini e gli adolescenti che vivono in contesti sociali svantaggiati, caratterizzati da disagio familiare, precarietà occupazionale e deprivazione materiale. Il concetto di povertà educativa è comparso nella letteratura nel corso degli anni ’90, ed è stato poi ripreso da organizzazioni non governative (in particolare Save the Children) e governi nella definizione delle politiche per l’infanzia e l’adolescenza.


Dati
Trattandosi di un fenomeno complesso, non è semplice darne una misurazione sintetica. La povertà educativa riguarda infatti diverse dimensioni (opportunità culturali, scolastiche, relazioni sociali, attività formative) che devono essere tenute in relazione tra loro. Alcuni dati però possono aiutarci a contestualizzare. In Italia il 12,5% dei minori di 18 anni si trova in povertà assoluta. Significa che oltre 1,2 milioni di giovani vive in una famiglia che non può permettersi le spese minime per condurre uno stile di vita accettabile. Di questi, mezzo milione abita nel mezzogiorno. Un disagio economico che spesso si traduce in divario educativo. I più recenti dati Ocse-Pisa elaborati dall’Università di Tor Vergata per Save the Children ci indicano come i ragazzi delle famiglie più povere abbiano risultati in lettura e matematica molto inferiori ai coetanei. Non raggiungono le competenze minime in matematica e lettura il 24% dei ragazzi provenienti dalle famiglie più svantaggiate, contro il 5% di quelli che vivono in famiglie agiate. Un fenomeno negativo, perché porta le disuguaglianze economiche, educative, culturali e sociali a tramandarsi dai genitori ai figli. Il 61% dei 15enni del quartile socio-economico e culturale più alto ha raggiunto un livello di competenze che gli consentirà un apprendimento lungo tutto il resto della vita. Questa percentuale scende al 26% tra i ragazzi del quartile più basso. Ulteriori dati ci aiutano a contestualizzare la mancanza di occasioni educative, culturali e sportive tra i minori: il 53% non ha letto libri l’anno precedente, il 43% non ha praticato sport e il 55% non ha visitato musei o mostre.


Analisi
I dati mostrano come povertà economica e povertà educativa si alimentino a vicenda, perché la carenza di mezzi culturali e di reti sociali riduce anche le opportunità occupazionali. Allo stesso tempo, le ristrettezze economiche limitano l’accesso alle risorse culturali e educative, costituendo un ostacolo oggettivo per i bambini e i ragazzi che provengono da famiglie svantaggiate. Questa condizione nel breve periodo mina il diritto del minore alla realizzazione e alla gratificazione personale. Nel lungo periodo, riduce la stessa probabilità che da adulto riesca a sottrarsi da una condizione di disagio economico. Per questa ragione investire sulle politiche per l’infanzia e adolescenza e nella lotta alla povertà educativa è un investimento di lungo periodo, da monitorare anche in chiave territoriale.

SCUOLA DI ITALIANO

Primo incontro della scuola di conoscenza e miglioramento della lingua Italiana. Martedi 17 novembre ore 18.00 Casa Molinari EMPORIO SOLIDALE-CARITAS via Corridoni, 65 Borgo Val di Taro (PR) per informazioni emporiovaltaro@gmail.co

Raccolta di pc usati. Diritto allo studio e possibilita’ economiche, problema costituzionale.

L’Emporio raccoglie computer portatili per progetto di trashware. La nostra storica collaborazione con SENSEI s.r.l. in questi anni ci ha fornito le competenze per riabilitare pc ad uso degli studenti, su sistemi linux.

Il discorso alla nazione del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, alcuni giorni fa’, ha affrontato il problema del diritto di accesso gratuito alla rete internet come diritto costituzionale. Il Governo stanzierà un finanziamento del Ministero dell’Istruzione, diretto a device da fornire in comodato agli studenti . Questo e’ un importante apertura al futuro, un argomento che balza in prima posizione dopo anni in cui temi come questo erano territorio di sparuti movimenti politici ed alcuni NERD.

Le istituzioni scolastiche spesso hanno scelto tecnologie costose e fonte di esclusione, si scopre che l’attuale situazione nega il diritto allo studio a numeri considerevoli di studenti.

Famiglie numerose che ruotano i pochi computer tra i figli, tutti impegnati al mattino in collegamenti con le classi virtuali. Collegamenti internet assenti, o scadenti in zone periferiche, con prezzi spesso inaccessibili  per coloro che già vivono in situazioni di disagio economico. Scuole educate a tecnologie costose e di elite.

https://emporiovaltaro.it/mercoledi-2-marzo-verranno-donati-4-notebook-a-studenti/

Improvvisamente ci siamo accorti di aver lavorato per un sistema infrastrutturale scolastico non eco-sostenibile.  Apparati costosi e velocemente obsolescenti, sono diventati degli standard a scapito di tecnologie ormai mature e aperte, gratuite che venivano viste come prodotti di tipo B.

Oggi scuole e governo corrono per colmare il buco costituzionale, la scuola garantita per tutti, un successo del dopoguerra azzerato dal COVID19. La partecipazione degli studenti rischia di diventare certa solo per le classi medio-alte. In un mese si ritorna al ‘900. Un ulteriore costo che si chiede alle giovani generazione, già oggi impegnate nella difesa delle generazioni di anziani  più esposte al contagio.

Tale situazione, riguarda in parte un territorio nazionale di eccellenza come l’Emilia, dove le istituzioni hanno lavorato per estendere i collegamenti anche alle periferie. La storia diventa drammatica in altri territori nazionali in cui l’abbandono scolastico e’ gia’ un tema attuale. La pandemia rischia di generare, un altra categoria di giovani i NONONO no studio, no lavoro, no internet e ovviamente no futuro.

La CORSA PER IL RECUPERO DEL TEMPO PERDUTO E’ GIA PARTITA.

CHI HA COMPUTER PORTATILI OBSOLESCENTI DA DONARE PUO’ INVIARE UNA MAIL A emporiovaltaro@gmail.com con i contatti NOI RITIREREMO A DOMICILIO LE ATTREZZATURE. (per le aziende possibilita’ di atto di donazione)

Lubuntu

Lubuntu è particolarmente adatto per PC meno recenti, tuttavia non può gestire macchine con più di 10 anni di età.

Hardware

Requisiti consigliati

 

Processore

Pentium 4, Pentium M o AMD 2GHz dual core (o meglio)

  • Preferibilmente Webcam integrata
  • USB per l’installazione.
  • scheda wifi
 

RAM

1 GiB

 

Spazio libero su disco

25 GiB

 

Scheda video

risoluzione 1024×768

Translate »